L’opposizione è in piazza, contro il Lodo Alfano e le politiche del Governo

11 10 2008
L'opposizione è nelle nostre mani

L'opposizione è nelle nostre mani

contro il Lodo Alfano

contro il Lodo Alfano

(Il Pd ombra a guardare l’Italia, (di calcio) in attesa della propria manifestazione non anti-governativa(?!), di “incoraggiamento e sostegno al Governo”)


11 ottobre, è il giorno delle manifestazioni di piazza
dell’opposizione parlamentare, Italia dei Valori e di quella cosiddetta extraparlamentare, la rediviva Sinistra (ex)Arcobaleno e soprattutto del suo vivo popolo di sinistra, che c’è, resiste. Due eventi che si presentano come distinti sul piano organizzativo ma che appaiono uniti per un obiettivo che è comune, non simbolico e non solo politico: il via alla raccolta di firme per il referendum abrogativo del lodo Alfano, una legge ad personam introdotta allo scopo di salvare il Premier Silvio Berlusconi da possibili sentenze di condanna penale. Un pezzo del mosaico d’imposizione del potere del Governo sulla democrazia.

Poco presente nell’agenda politica e in quella, alla prima direttamente conseguente, dell’informazione, la legge “Lodo Alfano” che prende il nome dal Ministro della Giustizia Angelino Alfano e che permette alle quattro più alte cariche dello Stato (Presidente della Repubblica, Presidenti di Camera e Senato e Presidente del Consiglio dei Ministri) di tenersi al riparo da procedimenti penali in processi per reati non inerenti la carica e che vengono sospesi fino al termine di questa, è tornata alla ribalta nel processo sui diritti televisivi di Mediaset che vede imputato Berlusconi per corruzione in atti giudiziari. Una posizione sospesa quella attuale del Presidente del Consiglio, proprio in virtù del Lodo Alfano.Grazie ad una normale procedura sollevata dal Pm di Milano Fabio De Pasquale, che ritiene il Lodo Alfano in contrasto con la Costituzione, il Tribunale di Milano ha accolto il pronunciamento ed ha presentato la richiesta alla Corte costituzionale che dovrà esprimersi sui legittimi dubbi di costituzionalità di una norma che risulta anomala anche sul piano dell’iter di approvazione perché, al di là del (im)merito, avrebbe dovuto essere approvata con l’iter previsto dall’articolo 138 della Carta costituzionale in quanto conferisce una “garanzia aggiuntiva” in deroga alla generale disciplina in vigore per tutti i cittadini. Dunque, per essa si rendeva necessaria una procedura di legge di revisione costituzionale e non una legge ordinaria com’è avvenuto e che ha portato alla sua approvazione il 22 luglio, in un tempo inferiore ad un mese dalla sua presentazione e senza il necessario dibattimento parlamentare. Ci si aspettava che il Capo dello Stato Napolitano avrebbe rinviato la legge alle Camere ma così purtroppo non è stato, aggravando la delusione in merito al suo ruolo di Garante della Costituzione, ricoperto invece con altro piglio da alcuni suoi predecessori. Una norma che non esiste in altri paesi europei, come falsamente affermato da Berlusconi; in nessun altro paese europeo i rappresentanti del Governo godono di tale forma di protezione. In alcuni l’immunità è garantita ai capi di Stato, in altri ai reali ma in nessun caso alle cariche governative.

In attesa del pronunciamento della Consulta che potrebbe avvenire nella prossima primavera, è importante che all’aspetto giuridico si accompagni fin d’ora e nei prossimi mesi un’azione concreta e diffusa di sensibilizzazione, informazione e partecipazione civile. In difesa della democrazia e dei princìpi enunciati nella Costituzione, sempre più disattesa in nome di un’efficienza e celerità dell’azione politica e di Governo che tende, in maniera evidente e pressoché dichiarata, a considerare l’ordinamento giuridico e i princìpi costituzionali superabili de facto per l’affermazione del primato della politica sullo Stato di diritto. Concezione di una deriva autoritaria di questo Governo che comprende anche l’esautoramento del ruolo e delle funzioni del Parlamento attraverso l’abuso della decretazione d’urgenza (Decreti Legge) e un antilegalitarismo da ampliare con il Lodo Consolo sull’immunità parlamentare (dal nome del parlamentare-avvocato del Ministro indagato Matteoli) per sollevare dai problemi con la Giustizia certi parlamentari privilegiati.

E’ così che quest’oggi 11 ottobre comincia la raccolta di firme a Roma e in altre città (e fino a dicembre in oltre 3.500 piazze italiane e in sedi all’estero) proposta da Antonio Di Pietro-Italia dei Valori e presentata martedì 7 ottobre in una conferenza stampa a cui hanno preso parte, per adesione all’iniziativa, l’ulivista Arturo Parisi, (non a nome del Pd ma per i “Democratici per la Democrazia”) il segretario di Rifondazione Comunista, Paolo Ferrero, Carlo Leoni per Sinistra Democratica e Manuela Palermi per il Pdci.

Gli organizzatori, appoggiati da personalità della società civile e del mondo della cultura come Dario Fo, della Giustizia come diversi costituzionalisti e l’associazione Giuristi Democratici, del giornalismo d’inchiesta come Peter Gomez, da movimenti come quello antimafia di “Ammazzateci tutti” e comitati come “Addio pizzo”, non pongono la questione del raggiungimento del quorum come conditio sine qua non per un impegno partecipativo e democratico. Motivazione che ha invece indotto Veltroni e il Partito Democratico a non aderire, per ammissione del suo segretario nel timore della sconfitta nella consultazione. D’altronde, la manifestazione che il Pd ha in programma non sarà anti-governativa, come dichiarato dal coordinatore Enrico Morando in un’intervista a Il Giornale (vedere link nel sottotitolo), ma di “incoraggiamento e sostegno al Governo per gli sforzi che sta facendo nel fronteggiare l’emergenza” perché “i cittadini hanno un atteggiamento di fiducia nel Governo”.

I promotori della giornata odierna in Piazza Navona pongono invece l’iniziativa sul piano della moralità, della legalità (di fatto la giornata di oggi è la “1° Giornata Nazionale della Legalità”) e del rispetto costituzionale che, all’art.3, recita: “Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzioni di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali”. La condizione personale pertanto, riferibile alla carica politica rivestita, non può essere causa per porsi al di sopra del principio di uguaglianza di tutti i cittadini davanti alla legge e per assicurarsi l’impunità nei confronti della giurisdizione penale, cancellando il principio della responsabilità personale. E i promotori del corteo della Sinistra sono partecipi di un desiderio di essere ed interpretare un proprio ruolo di opposizione a questo Governo, per un’altra Italia e un’altra politica, come recita lo slogan che ne accompagna la piattaforma.

Tanti sono i cittadini che avvertono come impellente il dovere morale di aderire e partecipare, per poter esprimere la propria voce anch’essa custode dello Stato di diritto e della Costituzione.

 

– Aggiornamento:

I link alla diretta tv/streaming delle due manifestazioni, precedentemente pubblicati e diretti al blog di Di Pietro e al sito di Sinistra Democratica, sono eliminati.

Il dossier Referendum Lodo Alfano di liberacittadinanza.it

Dove firmare per il referendum contro il Lodo Alfano a Napoli e nel resto della Campania

Banchetti dove firmare contro il Lodo Alfano in tutta Italia

Dove firmare per il referendum contro il Lodo Alfano per gli italiani all’estero





Nuova Alitalia vergine. Sulle spalle degli italiani

1 09 2008

 

Con il primo Consiglio dei Ministri dopo la pausa estiva, Berlusconi ha ripreso la sua mission immaginifica. Tra miracoli territoriali come il sotterramento della monnezza a Napoli e fulminee emergenze nazionali create ad hoc, in questi giorni c’è stato spazio anche per decretini legge ad aziendam  per la conseguente adozione della soluzione finale che andrà a staccare la spina all’Alitalia. Operazioni a cui fanno seguito dichiarazioni di risoluzione dei problemi del Paese. Sul Paese. Perché qualora non se ne avvertisse ancora piena consapevolezza e malgrado anche questo affaire la stia confermando, il Premier continua a farsi beffa degli italiani spacciandosi come promoter di interventi di successo, sulle spalle del bene comune. D’altronde il suo slogan di campagna elettorale, dalla metafora pugilistica, era stato : “Rialzati, Italia!”. Che con te non ho ancora finito.

 
E’ tempo di confronto tra il Governo e le sigle sindacali sulla questione degli esuberi dell’Alitalia morente previsti dal piano industriale della Nuova Alitalia. Il Presidente della nuova società, Roberto Colaninno, esprimeva stamane posizioni ferme nei confronti delle richieste dei sindacati. Il quadro della vicenda dovrebbe ormai essere noto ai più ma riassumiamone i punti salienti. Occorre chiarire subito la questione terminologica e soprattutto sostanziale sull’operazione che i grandi quotidiani riportano da giorni come “salvataggio” Alitalia. Chiamare le cose con il loro nome e dire le cose come stanno, senza rischiare di generare confusione, dovrebbe essere il compito di una corretta informazione. Il termine abusato e (quasi) mai virgolettato rischia di essere preso per buono da parte dell’opinione pubblica e si potrebbe finire per credere che Berlusconi abbia davvero salvato l’Alitalia o che la cordata degli imprenditori si occupi del risanamento dell’Alitalia. Secondo quanto si apprende dagli organi d’informazione, il core del “piano Fenice” prevede la costituzione di una newco, una nuova società, che buona parte della stampa identifica anche come Nuova Alitalia, come costola estrapolata dalla precedente e che prenderà il nome di Compagnia Aerea Italiana. Essa otterrà attività e parte dell’apparato operativo della compagnia morente, sarà integrata da Air One e, punto più importante, sarà scevra degli oneri debitori pregressi. Per permettere la concentrazione della nuova società con Air One, il Governo si è assunto una legge delega di modifica alle norme Antitrust. Assistiamo dunque ad una divisione d’azienda, che possiamo chiamare anche smembramento o spacchettamento ma non esattamente “salvataggio”.

Veniamo alla cordata. Abbiamo detto che dalla vecchia Alitalia sarà estrapolata la parte buona, che con verginità rifatta vedrà la partecipazione di una cordata di 16 famiglie imprenditoriali. Ecco i nomi: Roberto Colaninno, (attraverso Immsi) che come detto sarà il presidente della nuova società; Gruppo Benetton attraverso Atlantia; Gruppo Aponte; Gruppo Riva; Gruppo Fratini attraverso Fingen; Gruppo Ligresti attraverso Fonsai; Equinox; Clessidra; Gruppo Toto (Air One); Gruppo Fossati attraverso Findim; Marcegaglia (Presidente Confindustria); Caltagirone Bellavista attraverso Acqua Marcia; Gruppo Gavio attraverso Argo; Davide Maccagnani attraverso Macca; Tronchetti Provera; Intesa-Sanpaolo. (Advisor Passera) Nello spirito del Cavaliere, qualcuno le potrebbe definire di “capitani coraggiosi” ma ciò potrebbe essere credibile se questi ne assumessero onore ed oneri. Ottenere l’ingresso in capitale di una società spogliata dei debiti non è propriamente un atto di coraggio. E trattandosi di una nuova società che otterrà anche la disponibilità di mezzi operativi provenienti dalla dismissione di un’altra, non di un salvataggio, questi capitani d’impresa men che mai possono essere considerati salvatori della Patria. Si tratta semplicemente di un gruppo di investitori che, nell’obiettivo del profitto e coordinati al momento da Banca Intesa-Sanpaolo, potranno capitalizzare ex novo gli utili della nuova compagnia ed ottenere ulteriori posizioni vantaggiose collegate; per esempio, c’è chi potrebbe ottenere spazi di appalto per l’Expo milanese e c’è chi, la Marcegaglia, potrebbe trovarsi in conflitto d’interesse con la sua posizione di Presidente di Confindustria. In un primo periodo ci sarà un ridimensionamento del vettore, che sarà basato su 6 aeroporti e su un numero inferiore di collegamenti quasi alla stregua di una compagnia regionale; in aggiunta, l’accordo prevede a breve l’ingresso di banche straniere e di almeno una compagnia aerea straniera di livello internazionale. (Air France-Klm o Lufhansa e sembra affacciarsi l’interesse anche della British Airways) Banche e compagnia straniera diventeranno i principali azionisti per poter far assumere alla Compagnia Aerea presunta Italiana un ambito europeo e internazionale. L’accordo dei 16 imprenditori italiani prevede il vincolo per i soci a restare nel capitale della “nuova vergine Alitalia” fino al 2013 (coincide con il termine della legislatura..!?) e successiva cessione ad un vettore straniero di sicuro affidamento. Dunque, se non nella ragione sociale, la Compagnia Aerea Italiana diventerà in un futuro alquanto prossimo la nostra ex compagnia di bandiera, in mano straniera. Berlusconi disse che ne avrebbe difeso l’italianità.

Questo post è pubblicato e commentabile anche su AgoraVox Italia Leggi il seguito di questo post »