Nuova Alitalia vergine. Sulle spalle degli italiani

1 09 2008

 

Con il primo Consiglio dei Ministri dopo la pausa estiva, Berlusconi ha ripreso la sua mission immaginifica. Tra miracoli territoriali come il sotterramento della monnezza a Napoli e fulminee emergenze nazionali create ad hoc, in questi giorni c’è stato spazio anche per decretini legge ad aziendam  per la conseguente adozione della soluzione finale che andrà a staccare la spina all’Alitalia. Operazioni a cui fanno seguito dichiarazioni di risoluzione dei problemi del Paese. Sul Paese. Perché qualora non se ne avvertisse ancora piena consapevolezza e malgrado anche questo affaire la stia confermando, il Premier continua a farsi beffa degli italiani spacciandosi come promoter di interventi di successo, sulle spalle del bene comune. D’altronde il suo slogan di campagna elettorale, dalla metafora pugilistica, era stato : “Rialzati, Italia!”. Che con te non ho ancora finito.

 
E’ tempo di confronto tra il Governo e le sigle sindacali sulla questione degli esuberi dell’Alitalia morente previsti dal piano industriale della Nuova Alitalia. Il Presidente della nuova società, Roberto Colaninno, esprimeva stamane posizioni ferme nei confronti delle richieste dei sindacati. Il quadro della vicenda dovrebbe ormai essere noto ai più ma riassumiamone i punti salienti. Occorre chiarire subito la questione terminologica e soprattutto sostanziale sull’operazione che i grandi quotidiani riportano da giorni come “salvataggio” Alitalia. Chiamare le cose con il loro nome e dire le cose come stanno, senza rischiare di generare confusione, dovrebbe essere il compito di una corretta informazione. Il termine abusato e (quasi) mai virgolettato rischia di essere preso per buono da parte dell’opinione pubblica e si potrebbe finire per credere che Berlusconi abbia davvero salvato l’Alitalia o che la cordata degli imprenditori si occupi del risanamento dell’Alitalia. Secondo quanto si apprende dagli organi d’informazione, il core del “piano Fenice” prevede la costituzione di una newco, una nuova società, che buona parte della stampa identifica anche come Nuova Alitalia, come costola estrapolata dalla precedente e che prenderà il nome di Compagnia Aerea Italiana. Essa otterrà attività e parte dell’apparato operativo della compagnia morente, sarà integrata da Air One e, punto più importante, sarà scevra degli oneri debitori pregressi. Per permettere la concentrazione della nuova società con Air One, il Governo si è assunto una legge delega di modifica alle norme Antitrust. Assistiamo dunque ad una divisione d’azienda, che possiamo chiamare anche smembramento o spacchettamento ma non esattamente “salvataggio”.

Veniamo alla cordata. Abbiamo detto che dalla vecchia Alitalia sarà estrapolata la parte buona, che con verginità rifatta vedrà la partecipazione di una cordata di 16 famiglie imprenditoriali. Ecco i nomi: Roberto Colaninno, (attraverso Immsi) che come detto sarà il presidente della nuova società; Gruppo Benetton attraverso Atlantia; Gruppo Aponte; Gruppo Riva; Gruppo Fratini attraverso Fingen; Gruppo Ligresti attraverso Fonsai; Equinox; Clessidra; Gruppo Toto (Air One); Gruppo Fossati attraverso Findim; Marcegaglia (Presidente Confindustria); Caltagirone Bellavista attraverso Acqua Marcia; Gruppo Gavio attraverso Argo; Davide Maccagnani attraverso Macca; Tronchetti Provera; Intesa-Sanpaolo. (Advisor Passera) Nello spirito del Cavaliere, qualcuno le potrebbe definire di “capitani coraggiosi” ma ciò potrebbe essere credibile se questi ne assumessero onore ed oneri. Ottenere l’ingresso in capitale di una società spogliata dei debiti non è propriamente un atto di coraggio. E trattandosi di una nuova società che otterrà anche la disponibilità di mezzi operativi provenienti dalla dismissione di un’altra, non di un salvataggio, questi capitani d’impresa men che mai possono essere considerati salvatori della Patria. Si tratta semplicemente di un gruppo di investitori che, nell’obiettivo del profitto e coordinati al momento da Banca Intesa-Sanpaolo, potranno capitalizzare ex novo gli utili della nuova compagnia ed ottenere ulteriori posizioni vantaggiose collegate; per esempio, c’è chi potrebbe ottenere spazi di appalto per l’Expo milanese e c’è chi, la Marcegaglia, potrebbe trovarsi in conflitto d’interesse con la sua posizione di Presidente di Confindustria. In un primo periodo ci sarà un ridimensionamento del vettore, che sarà basato su 6 aeroporti e su un numero inferiore di collegamenti quasi alla stregua di una compagnia regionale; in aggiunta, l’accordo prevede a breve l’ingresso di banche straniere e di almeno una compagnia aerea straniera di livello internazionale. (Air France-Klm o Lufhansa e sembra affacciarsi l’interesse anche della British Airways) Banche e compagnia straniera diventeranno i principali azionisti per poter far assumere alla Compagnia Aerea presunta Italiana un ambito europeo e internazionale. L’accordo dei 16 imprenditori italiani prevede il vincolo per i soci a restare nel capitale della “nuova vergine Alitalia” fino al 2013 (coincide con il termine della legislatura..!?) e successiva cessione ad un vettore straniero di sicuro affidamento. Dunque, se non nella ragione sociale, la Compagnia Aerea Italiana diventerà in un futuro alquanto prossimo la nostra ex compagnia di bandiera, in mano straniera. Berlusconi disse che ne avrebbe difeso l’italianità.

Questo post è pubblicato e commentabile anche su AgoraVox Italia Leggi il seguito di questo post »





Due settimane e un voto (o due)

31 03 2008

Veltrusconi 

Con tale titolo e l’immagine di uomo politico bipartitico dal volto trasformato in stile “Face off” non si vuol né annunciare a breve una presa d’impegno ecclesiastico né il lancio di una versione politica e alternativa di “Una poltrona per due”, (è utile il titolo, non la trama) anche se nel secondo caso il timore resta fondato. Ci riferiamo al tempo che ci separa dalle elezioni e alla possibilità di un voto più consapevole al di là di ciò che ci viene propinato dalla televisione.

Messa alle spalle la tregua pasquale, finiti i giorni delle colombe, nel periodo che segue dovrebbe (?) arrivare il momento dei falchi, e di coloro che punzecchieranno l’elettore alla conquista del voto. Soprattutto di quello degli indecisi che, secondo alcune indagini di ricerca e dopo lo stop ai sondaggi elettorali, (per legge non possono più essere resi pubblici a partire da ieri) costituiscono all’incirca il 30% dell’elettorato, di cui un terzo dovrebbe o potrebbe decidere di fare la propria scelta all’ultimo momento. 

Malgrado tutti i sondaggi abbiano convenuto su un vantaggio per il Pdl, la corsa si presenta ancora interessante e le prossime due settimane potrebbero risultare importanti per chi volesse sparigliare le carte. Forse più crude negli attacchi che tradizionalmente si sferrano negli ultimi giorni a ridosso delle elezioni, anche se il clima di questa campagna elettorale ha lasciato finora minor spazio all’aggressività rispetto al passato, prestando il fianco ad ipotesi di inciucio post-elezioni. Non è da escludere, ad ogni modo, qualche sorpresa-promessa da tirar fuori per far breccia finale sullo svogliato elettore, sperando non si traduca nella solita zolfa sul genere meno tasse per tutti – abolizione dell’ICI, proposte oramai stantie, copiosamente ripetute in troppi finali tele-mediatici. Senz’altro qualcuno continuerà l’ operazione-antipatia “voto utile”, un leit-motiv fuorviante che è stato adottato prevalentemente da Veltrusconi (per chi ancora non ne fosse al corrente, Veltrusconi è un personaggio atto a rappresentare il cartello pseudo elettorale e già mediatico composto da Veltroni e Berlusconi e dunque, dalle due forze maggiori Pd-Pdl. (Anche le sigle di partito si differenziano un po’ poco) Un appello al voto utile comparso sin dalle prime battute di questa campagna elettorale e non come in genere avviene, riservato al finale. Il suo anticiparsi mostra il segno di una competizione elettorale nata un po’ stanca, soprattutto da parte del pentacandidato (per la quinta volta candidato) premier Berlusconi.

Sorprende che nell’analisi degli indecisi, una fetta consistente sia costituita da coloro che non sanno ancora quale schieramento votare e non semplicemente quale partito. Ad avvalorare la tesi che la collocazione sullo scacchiere politico dei due maggiori contendenti, il Pd e il Pdl, tenda a confondersi e a trasformarsi in un’offerta di voto pericolosamente confusa o forse più indifferenziata nei due attori principali rispetto al passato e di una conseguente minor consapevolezza nella scelta. Diverso, ed è un bene per la democrazia, il discorso sulla preferenza per altri partiti, minori in termini numerici ma atti ad offrire vicinanza e personificazione con il proprio sentire e le proprie idee, come nel caso dei partiti che esprimono una vera e propria parte politica.

Sarà curioso e presumibilmente al cardiopalma vedere come andrà a finire la partita per il Senato, dove un sostanziale pareggio porterebbe al ripetersi della stallo logorante che ha fatto da contraltare allo scenario-thrilling della camera alta durante il Governo uscente. Ed è a questo proposito che si parla di voto disgiunto, in base al quale anche possibili elettori del Pd potrebbero decidere di votare la Sinistra Arcobaleno nelle regioni in cui il Pd è dato per vittorioso, per togliere senatori al Pdl, in base al meccanismo di ripartizione dei seggi. Nelle regioni dove il Pd è piuttosto sicuro di aggiudicarsi il premio di maggioranza, (Emilia, Toscana e Umbria) ai Democratici conviene che Bertinotti e i suoi superino quel fatidico otto per cento. In caso contrario, il senatore che andrebbe alla sinistra se lo aggiudicherebbe la seconda lista classificata, ovvero il Popolo della libertà.

Ma diamo ora un’occhiata ai temi degli ultimi giorni, Leggi il seguito di questo post »