Rimborsi elettorali: un’informazione scorretta su “Voglio Scendere”

11 06 2009


Leggendo il noto blog “Voglio Scendere” (P. Corrias, P. Gomez, M. Travaglio) , come d’abitudine nella mia rassegna quotidiana, vi ho trovato un breve scritto di Pino Corrias dal titolo Suicidi a sinistra che, oltre a presentare un contenuto insulso, riporta un’informazione scorretta in merito ai rimborsi elettorali. I rimborsi elettorali, chiariamo, andranno solo alle forze che hanno superato il 4% alle europee, non il 2%. Attraverso miei commenti, (comprensivi di alcuni riferimenti legislativi) a cui poi hanno fatto seguito quelli di altri, sono stato il primo a farlo notare, sperando in una rettifica.


E’ deludente trovare un post di quella pochezza argomentativa, politicamente strumentale e di disinformazione (in buona fede?) sul blog su cui scrivono anche Marco Travaglio e Peter Gomez e che è candidato come miglior blog giornalistico al Premio Ischia 2009.

Politicamente strumentale perché il giornalista aveva dichiarato, nei giorni scorsi, la sua scelta di voto (per il Pd) e il post in oggetto cerca di corroborarne a posteriori la scelta, pur avendo avuto anche il Pd un calo, dunque una sconfitta che Corrias forse non vuol vedere; pochezza argomentativa perché, pur considerandone la brevità, fa una semplicistica lettura del mancato raggiungimento del quorum da parte delle formazioni di sinistra che non si sono presentate tutte assieme.

Claudio Fava, stimato europarlamentare uscente che come altri non è stato rieletto a causa della soglia di sbarramento, decisa dai partiti maggiori per tener fuori anche dall’Europa tutte le altre forze di sinistra e non solo, aveva spiegato nei giorni scorsi le ragioni, gli obiettivi, le distinzioni dei progetti delle varie anime della sinistra, di Sinistra e Libertà e dei Comunisti.

 

Di seguito, il mio secondo commento lasciato ieri sul blog “Voglio Scendere” (ne avevo lasciato un altro in precedenza, primo a notare l’errore) :

Questo blog sarebbe il mio preferito se non vi trovassi, a volte, taluni articoli di Corrias a mio parere di poco conto come il presente. Ciò che mi sorprende non è la pochezza dell’argomentazione portata in questo post, sulla quale neppure mi esprimo proprio sulla base di tale considerazione ma il fatto che Lei, Corrias, non sia informato sulla seconda questione.

I contributi elettorali non saranno percepiti dalle forze di sinistra e dalle altre che abbiano superato (o raggiunto) il 2%. La Camera dei deputati soppresse l’articolo, inserito in prima lettura dal Senato, che consentiva l’accesso al rimborso elettorale a tutti i partiti che avessero raggiunto almeno il 2 per cento dei suffragi. Dopo un ulteriore passaggio al Senato, si è tornati al testo originario del decreto, che ne prevede la distribuzione tra le sole forze politiche che abbiano superato la soglia di sbarramento del 4% e abbiano avuto almeno un eletto al Parlamento europeo.

Alcuni riferimenti legislativi:

Resoconto sommario della seduta del Senato n. 174 del 18/03/2009, esame del Disegno di Legge S.1341-B in cui l’emendamento 1.0.1 che mirava a reintrodurre l’articolo eliminato dalla Camera dei deputati viene respinto, con votazione nominale elettronica

Lo stesso 18 marzo avviene la conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 27 gennaio 2009, n. 3, recante disposizioni urgenti per lo svolgimento nell’anno 2009 delle consultazioni elettorali e referendarie. Approvato definitivamente, diventa Legge 26/09 del 25 marzo 2009


Aggiornamento:

Claudio Fava ha scritto una risposta a Pino Corrias, da questi pubblicata come rettifica al post. Corrias precisa di essersi affidato ad un Senatore della Repubblica come fonte. Ho nuovamente commentato:
“Lei dovrebbe saperlo, un Senatore della Repubblica non è miglior fonte giornalistica rispetto alle fonti documentali, come quelle che Le avevo segnalato io tramite una semplice ricerca sul web”.


Azioni

Information

2 responses

12 06 2009
salpetti

Anche io seguivo con costanza e ammirazione il blog di Corrias, Gomez e Travaglio (per quanto quest’ultimo sia molto più prolisso e presente degli altri due).

Da un pò di tempo, però, noto una certa stanchezza da parte degli autori: sviste, imprecisioni, continue rettifiche e ripetizioni ridondanti mi stanno facendo cambiare opinione sul blog.

Questa tua segnalazione è forse la più clamorosa. In un blog che non fa altro che accusare il sistema informativo di non essere abbastanza serio, una caduta di stile del genere non me la sarei aspettata.

Fermo restando che i tre autori sono da annoverare tra i migliori giornalisti nel panorama informativo italiano, vorrei concludere con due motti: “errare è umano”, ma non si può guardare la pagliuzza nell’occhio del fratello senza vedere la trave nel proprio occhio”.

Forse questo episodio farà diventare i tre autori meno supponenti…😉

Un caro saluto!
salpetti

12 06 2009
Fab-Blogue Pol

E’ un blog che leggo sempre con piacere, è tra i miei preferiti ed apprezzo Travaglio e Gomez. Ma non faccio sconti e sono rimasto deluso da tale episodio che riguarda Corrias, un loro collega di blog e giornalista affermato.

Non sono al corrente di altre imprecisioni. Ciò che mi ha fatto nascere altre ipotesi è il fatto che l’errore segua articoli in cui Corrias aveva dichiarato la propria scelta di voto politico-partitica che, nell’articolo in oggetto, sembra voler corroborare; l’informazione sbagliata può apparire, agli occhi del lettore, funzionale a tal scopo. Resta dunque il sospetto, purtroppo, che “l’errore” fosse favorito da tale presa di parte e non dunque in buona fede.

E non apprezzo la spiegazione dell’errore, addossato alla fonte (un Senatore) e non alla propria superficialità nel controllo della stessa.

Non che voglia per forza pensar male ma gli errori possono essere favoriti da informazioni sbagliate ma anche da strategie (magari il Senatore in questione intendeva far passare un certo messaggio politico e può aver dato a tal scopo un’informazione imprecisa o, ancora, è plausibile pensare potesse essere non ben informato; è credibile non siano aggiornati su tutti i commi e di tutte le leggi). Un giornalista sa che un Senatore è un politico e può tendere a far passare l’informazione che conviene alla propria parte.

Per evitare d’incorrere nell’errore, Corrias avrebbe potuto fare semplici ricerche sul web, come ho fatto io per trovare alcuni riferimenti legislativi, documenti ufficiali che per un giornalista sono fonti di prima mano e dunque più attendibili di un solo Senatore.

Mi è difficile accettare questa superficialità giornalistica da uno degli autori di quel blog. E la non accuratezza nell’uso e nella verifica delle fonti.

Grazie per la tua opinione, ricambio il saluto!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...