Enzo Biagi: una vita resistente di libero Giornalista

6 11 2007

E’ morto il grande giornalista Enzo Biagi. Attraverso alcuni cenni biografici ripercorriamo i tratti salienti della sua carriera e sopratutto gli episodi professionali che illustrano la sua lotta di libertà, per un giornalismo libero, scevro da servilismi; uno stile che ha resistito per tanti anni e allontanamenti, a parole che per alcuni erano forse scomode e che per tanti altri invece sono state “insegnamento”.

 

 

 

 

Enzo Biagi (immagine da raidue.rai.it)

 

(fonte testo biografia: stralcio da corriere.it)


Enzo Biagi nacque nel 1920 da padre magazziniere e madre casalinga. Sull’Appennino emiliano trascorse l’infanzia e iniziò a sognare di fare il giornalista; mestiere che immaginava come un «vendicatore capace di riparare torti e ingiustizie».

Dopo il diploma in ragioneria seguirono gli anni della gavetta al Resto del Carlino. Diventa professionista a soli ventuno anni. Allo scoppio della guerra è richiamato alle armi. Dopo l’8 settembre 1943, per non aderire alla Repubblica di Salò, varca la linea del fronte aggregandosi ai gruppi partigiani attivi sull’Appennino.

Nel 1951 Biagi aderì al manifesto di Stoccolma contro la bomba atomica e, accusato dal suo editore di «essere un comunista sovversivo», fu allontanato dal Resto del Carlino.

 Nel 1961 l’ingresso in Rai, diventa direttore del Telegiornale e inizia quel difficile rapporto con la politica che non lo ha mai abbandonato. Nel 1963 cura la nascita del telegiornale del secondo canale Rai. Nello stesso anno lancia RT, il primo settimanale della televisione italiana. Ma ben presto arrivarono critiche durissime soprattutto dal Psdi di Saragat e dalla destra, che accusò Biagi di essere un comunista. Nel 1963 fu quindi costretto a dimettersi.

Il 30 giugno del 1972 fu allontanato dalla direzione del Resto del Carlino e tornò quindi al Corriere della Sera.

Nel 1995 iniziò la trasmissione Il Fatto, un programma di approfondimento dopo il Tg1 sui principali fatti del giorno, di cui Biagi era autore e conduttore. Nel 2004 Il Fatto, che mediamente era seguito da oltre 6 milioni di telespettatori, fu nominato da una giuria di giornalisti il miglior programma giornalistico realizzato nei cinquant’anni della Rai.

Nel corso di un’intervita, il comico toscano Benigni parlò di Berlusconi e del conflitto d’interessi. L’intervista scatenò roventi polemiche contro Benigni e contro Biagi. Berlusconi lo accusò di avergli fatto perdere un milione e 750 mila voti prima delle elezioni del 2001. Il deputato di An e futuro ministro delle comunicazioni, Maurizio Gasparri, parlando ad un’emittente lombarda, auspicò l’allontanamento dalla Rai di Biagi.

Il 18 aprile 2002 l’allora premier Silvio Berlusconi dichiarò nel corso di una conferenza stampa: “la Rai tornerà ad essere una tv pubblica. L’uso fatto da Biagi, Santoro e Luttazzi è stato veramente criminoso. Preciso dovere di questa dirigenza sia quello di non permettere più che questo avvenga». Una dichiarazione che passerà alla storia come «Editto bulgaro» a cui Biagi replicò nella puntata del Fatto :  «Presidente del Consiglio, non trova niente di meglio che segnalare tre biechi individui: Santoro, Luttazzi e il sottoscritto. Quale sarebbe il reato? […] Lavoro qui in Rai, dal 1961, ed è la prima volta che un presidente del Consiglio decide il palinsesto..

Il 22 aprile 2007, tornato in tv con “RT – Rotocalco Televisivo“, ha aperto la trasmissione dicendo: «Buonasera, scusate se sono un po’ commosso e, magari, si vede. C’è stato qualche inconveniente tecnico e l’intervallo è durato cinque anni. [Fra poco] sarà il 25 aprile. Una data che è parte essenziale della nostra storia: è anche per questo che oggi possiamo sentirci liberi. Una certa Resistenza non è mai finita. C’ è sempre da resistere a qualcosa, a certi poteri, a certe promesse, a certi servilismi. 

 

                                                                                                                         

Annunci

Azioni

Information

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...