Telefonia mobile: tariffe meno care in Europa prima dell’estate

25 05 2007

tariffe estero (ec.europa.eu) 

Da troppo tempo i consumatori europei sono esposti a costi eccessivi per l’uso del cellulare all’estero con il proprio operatore nazionale. Riportai l’esito di un sondaggio Eurobarometro e la notizia della proposta di riduzione delle tariffe in un precedente post.

Due giorni fa, nel corso della sessione plenaria di Strasburgo il Parlamento europeo ha votato, ad ampia maggioranza, a favore di un regolamento dell’UE volto a ridurre sostanzialmente le tariffe applicate per l’utilizzo all’estero dei telefoni cellulari. Il regolamento, proposto dalla Commissione europea il 12 luglio 2006, ha ricevuto pieno sostegno dai rappresentanti dei 27 Stati membri dell’UE.

“Quella di oggi è una data importante per i consumatori e per le imprese dell’UE”, ha dichiarato Viviane Reding, Commissaria europea per le telecomunicazioni. “Nel tempo record di soli dieci mesi è stato raggiunto un accordo politico sul regolamento dell’UE in materia di roaming, grazie al massiccio sostegno del Parlamento europeo. Già dalla prossima estate, quindi, gli utenti della telefonia mobile potranno beneficiare di tariffe di roaming nettamente più convenienti durante i loro spostamenti in Europa. Il mercato interno europeo sarà finalmente senza frontiere, anche per quanto riguarda i costi della telefonia mobile.”

Ha anche aggiunto: “Invito tutti gli operatori di telefonia mobile a fare a gara a chi offre il pacchetto di roaming più allettante, magari andando al di sotto dei massimali tariffari stabiliti dall’Unione europea”.

Nel luglio 2006 la Commissione europea aveva presentato una proposta di regolamento comunitario inteso a ridurre fino al 70% le tariffe di roaming della telefonia mobile praticate nell’Unione europea, nella prospettiva del completamento del mercato interno. Nonostante i ripetuti appelli rivolti dalla Commissione agli operatori mobili, l’utilizzo del telefono cellulare in altri paesi europei continua a costare, in media, quattro volte di più rispetto alla telefonia mobile nazionale: di questo divario risentono in particolare i turisti e le piccole e medie imprese che esercitano attività commerciali transfrontaliere. Per promuovere la trasparenza in questo settore la Commissione ha messo a disposizione dei consumatori un sito internet che illustra le tariffe di roaming praticate nei paesi dell’Unione, dal quale risulta che il costo di una chiamata di quattro minuti può raggiungere 12 euro; tale iniziativa, tuttavia, non ha avuto alcun impatto sulla politica tariffaria praticata dagli operatori. La Commissione ha quindi optato per un intervento di tipo normativo.

Il regolamento dell’UE approvato dal Parlamento europeo limiterà, a partire dall’estate, le tariffe del roaming internazionale sia tra gli operatori della telefonia mobile che per i consumatori, promuovendo nel contempo la concorrenza al di sotto dei massimali tariffari stabiliti. Tali massimali, o Eurotariffe, saranno ulteriormente ridotti nel 2008 e nel 2009. La tariffa al dettaglio, IVA esclusa, per il roaming regolamentato sarà limitata a 0,49 euro al minuto per le chiamate effettuate e a 0,24 euro al minuto per quelle ricevute. Gli operatori avranno un mese dall’entrata in vigore del regolamento per offrire l’eurotariffa o altri piani tariffari ai loro clienti. Da quel momento, i clienti avranno due mesi di tempo per decidere di accettare o rifiutare le nuove tariffe proposte.

Se un cliente comunica la sua scelta all’operatore telefonico, quest’ultimo – a partire dalla comunicazione – avrà fino a un mese per attivare il nuovo piano tariffario.
 
Se invece l’utente non comunica la sua scelta, l’eurotariffa potrà essere applicata automaticamente dall’operatore alla fine dei due mesi. Pertanto, in teoria, se i loro operatori offrono e attivano subito le nuove tariffe e loro stessi non perdono tempo a comunicare la loro scelta, i clienti potrebbero beneficiare dell’eurotariffa immediatamente dopo l’entrata in vigore del regolamento.

A seguito dell’accordo raggiunto tra il Parlamento europeo, il Consiglio e la Commissione, il 7 giugno il Consiglio dei ministri europei delle telecomunicazioni dovrebbe approvare il regolamento dell’UE sul roaming. Detto regolamento sarà quindi direttamente applicabile nei 27 Stati membri dell’UE dopo la pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea, prevista per la metà di giugno.

Il Parlamento ha premuto sul Consiglio per una rapida adozione del provvedimento per permettere ai cittadini europei di beneficiarne nel corso delle prossime vacanze estive, tempi utili per i turisti che normalmente ma necessariamente utilizzano il proprio operatore per il soggiorno estero e spesso non registrano tariffe apposite per mancanza d’informazione e/o per la necessità di sottoscrivere uno abbonamento apposito. Aspettiamo e vediamo; per ora il prospetto di sopra non mi è molto chiaro ma spero sarà fornita una corretta informazione al consumatore sulle possibilità che scaturiranno da questo provvedimento. Dopo l’abolizione italiana sui costi di ricarica, dopo la quale alcuni operatori cercano di rivalersi, speriamo che la concorrenza e la correttezza vada a vantaggio di noi utenti.  

Annunci

Azioni

Information

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...