Recupero dallo status di scrutatore – una settimana

6 06 2006

Una settimana esatta dalla fine dell’estenuante scrutinio. Stamane è sopraggiunto il ricordo, quasi come se volessi celebrare (o meglio esorcizzare, liberandomene) la conclusione di quell’esperienza terribile e faticosissima, lasciandola definitivamente alla comprensiva accoglienza del bagaglio personale. Ho anche inviato un sms alla presidente di seggio, per condividerne la “ricorrenza” e l’opinione (distruttiva).

Non ebbi neppure il tempo di accennare qui a quelle giornate trascorse nel seggio. Basti pensare che nei due giorni successivi alla chiusura delle diatribe sono rimasto in uno stato di “ammaccamento” post-elettorale, a riposo quasi forzato, con un programma di recupero della notte di veglia persa nella conta e riconta di schede e preferenze. Una ventina di rappresentanti di lista accreditati, dai controllori infervorati ai presenzialisti pur docili. Caffè ripetuti ad intervalli irregolari, la pausetta-pizzetta nel serale. Signore in età da voto per inerzia che chiedevano di rivotare e noi scrutatori lì per rivoltarle😉 Un cavallo di ritorno (il pacco senza foglio identificativo) poco dopo l’inizio dello spoglio, i pacconi finali da esaurimento ed i “paccheri” che si sono sfiorati tra di noi. Il “pronto intervento seggio in difficoltà” in notturna, a cura della paziente task force comunale, la bolgia femminile in cui volevo sguazzare ma che ha finito per quasi sovvertire il mio spirito gentil-diplomatico. I bambini d’accompagnamento domenicale, i cani in cabina, gli scontri di partito, le opinioni in combutta in una marea indefinita del disappunto, i contrasti insani intra-nos, le invasioni dei curiosi e degli azzeccagarbugli, scudettati ed a volte no, ognuno a dir la propria in un processo estemporaneo aperto al pubblico delle grandi occasioni, i verbali interpreti dell’impazzata finale, l’alba e poi il sole che ci fece capire che stavamo per fare il record di maratona della Municipalità.

Un’esperienza che segna, anche questa è fatta, all’ufficio consegnai il dovuto tra il fragore e lo stupore degli addetti, che con compassione mi accolsero come l’agnello sacrificale inviato dal regno del caos.


Azioni

Information

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...